fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Videogiochi e coronavirus: l’OMS invita a giocare con #PlayApartTogether

Fino a poco tempo fa i videogiochi erano considerati il male del mondo: causano violenza e aggressività, e a volte anche bassa autostima. Di certo non è da sottovalutare la dipendenza videoludica, che come l’OMS ha ufficializzato lo scorso Maggio è considerata una malattia (gaming disorder), ma molte ricerche di dubbia provenienza e oggettività hanno approfittato della notizia per scagliarsi a spada tratta contro il mondo del gaming.

Una delle tante risposte del web all'idea che i videogiochi portino alla violenza. Credits: alkalinerush
Una delle tante risposte del web all’idea che i videogiochi portino alla violenza. Credits: alkalinerush

In questi giorni di quarantena e clausura i videogiochi sono invece una delle valvole di sfogo più efficaci contro la noia e la paura. A dirlo è proprio l’OMS, che ha lanciato l’iniziativa #PlayApartTogether, rilanciata anche da molti produttori videoludici.

La terapia dei videogiochi

Ci lamentiamo sempre di avere troppi titoli e poco tempo per giocarci: adesso è il momento perfetto per recuperare. Con la campagna guidata dall’hashtag PlayApartTogether l’OMS invita le persone a seguire il distanziamento sociale rimanendo a casa e videogiocando.

L’iniziativa, supportata da grandi nomi come Blizzard e Riot Games e da servizi di streaming come Twitch e YouTube Gaming, vuole incoraggiare le persone a rispettare la quarantena, usando i videogiochi come passatempo e sfogo.

Il tweet di Riot Games per supportare l’iniziativa dell’OMS.

La campagna non vuole puntare solo sul singolo giocatore, quanto anche sul creare una community coesa e piena di persone che si supportino in questi tempi difficili. L’invito è infatti anche quello di connettersi tra giocatori, partecipare a eventi, attività di gruppo e fornire dei premi e delle esclusive a chi rispetta le regole dell’OMS.

Le iniziative per #PlayApartTogether

Molte aziende hanno già reso gratuiti temporaneamente diversi titoli, aperto demo e beta agli utenti e messi in saldo molti giochi interessanti. Altre hanno deciso di fare un passo in più e andare oltre l’esperienza puramente ludica, offrendo corsi e contenuti educativi.

È il caso di Microsoft, che con Minecraft Educational Marketplace cerca di garantire continuità allo studio dei giovanissimi senza annoiarli. I programmi offerti da Microsoft vogliono coinvolgere i bambini nello studio con la gamification, non solo attraverso premi e sfide, ma soprattutto sfruttando la piattaforma del gioco per trasmettere conoscenza. Fino al 30 Giugno è possibile esplorare la Stazione Spaziale Internazionale, imparare a programmare un robot, visitare monumenti, scoprire le energie rinnovabili, la biologia e la storia.

I videogiochi per l’insegnamento: Minecraft Education. Credits: mamamo.it

E se videogiocare non vi basta, potreste imparare a sviluppare i videogiochi. Unity ha messo a disposizione delle lezioni gratuite con esercitazioni e sessioni della durata di 3 mesi. Anche RiotGames non è da meno: sul loro sito è possibile accedere gratuitamente a URF Academy Online, un corso volto a mostrare i vari step del design e sviluppo di un videogioco. Il ciclo di lezioni è pensato principalmente per gli insegnanti che seguiranno poi classi di giovani sviluppatori, ma è sicuramente interessante per tutti.

Insomma, che vogliate imparare o semplicemente divertirvi, i videogiochi offrono tutto ciò che volete. In un momento così delicato è importante e positivo sottolineare i benefici del gioco consapevole, soprattutto se è in grado di unire le persone nonostante le distanze fisiche.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Marina Londei
Laureata in Ingegneria e Scienze Informatiche, unisco la passione per la scrittura al mio lavoro.