fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Coronavirus: le mascherine mandano in tilt l’AI

Il nuovo coronavirus 2019-nCoV sta contagiando ormai sempre più persone. I contagi si sono estesi moltissimo a tutta la Cina, non solo all’interno dell’area metropolitana di Wuhan. E non si sono fermati lì. Ci sono moltissime nazioni in tutto il mondo, ed anche in Europa, che hanno presentato i primi casi. Anche in Italia ci sono stati dei casi, prima tra due turisti cinesi, poi è risultato positivo un italiano tra i 56 rimpatriati dalla Cina.

Si sta facendo di tutto per limitare al massimo i contagi in questo periodo, soprattutto, ovviamente, in Cina. E tra ospedali costruiti in un batter d’occhio e applicazioni diventate virali, il panico generale aumenta. Ormai tutti gli abitanti della Cina indossano delle mascherine durante ogni istante della loro giornata. E sono proprio quest’ultime che stanno causando moltissimi problemi ai vari sistemi di riconoscimento facciale, da quelli di uso “consumer” a quelli governativi.

Mascherine utilizzate per proteggersi dal coronavirus
Mascherine utilizzate per evitare il contagio da coronavirus

La prevenzione contro il coronavirus mette fuori gioco i sistemi di riconoscimento facciale

Le mascherine sono molto diffuse in Cina, nonché obbligatorie in alcune zone della Cina dove il coronavirus è più diffuso ed ha contagiato un maggior numero di persone. E nella maggior parte dei casi, le protezioni coprono non solo naso e bocca ma anche gli occhi, a volte con cappucci o occhiali particolari, per prevenire al massimo il contagio in qualsiasi modo. E proprio per questo motivo, i vari sistemi di riconoscimento facciale ed intelligenza artificiale in tutto il Paese stanno andando il tilt.

In una situazione come quella in foto, potrebbe essere molto difficile eseguire con successo il riconoscimento facciale
In una situazione come quella in foto, potrebbe essere molto difficile eseguire con successo il riconoscimento facciale

La Cina è un paese molto avanzato da questo punto di vista. L’intelligenza artificiale, ed in particolar modo il riconoscimento facciale, sono utilizzati in tantissime situazioni, anche “consumer”. Spesso si usa il riconoscimento facciale per aprire la porta di casa, piuttosto che per accedere al conto bancario, o per sbloccare lo smartphone. Addirittura tramite riconoscimento facciale è possibile prenotare visite mediche o acquistare cibo a domicilio. E non solo.

Anche dal punto di vista della sorveglianza governativa si stanno riscontrando problemi. Nel dicembre 2019, il governo cinese, ha approvato una legge che impone una scansione facciale legata all’acquisto di ogni nuova scheda Sim telefonica. Inoltre tramite riconoscimento facciale è anche possibile imbarcarsi in oltre duecento aeroporti del Paese, e addirittura ci sono scuole che utilizzano tale tecnica per prendere le assenze degli alunni.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here