fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Dal CERN nuovi ventilatori polmonari per il COVID-19

A cura di Norma Gaetani

Al CERN hanno progettato nuovi ventilatori polmonari per la lotta al COVID-19. Sono ventilatori pensati per i malati non gravi e per coloro che stanno migliorando. Usando questo nuovo tipo di ventilatore, si libereranno i posti in terapia intensiva, garantendo la possibilità di accedere ai macchinari a tutti i malati.

Vogliamo impiegare le nostre risorse e competenze per contribuire alla lotta contro la pandemia di COVID-19”, ha dichiarato il direttore generale Fabiola Gianotti. A fine marzo era stata istituita una task force per raccogliere idee su come il CERN potesse contribuire alla lotta globale al COVID-19. “Siamo stati molto incoraggiati dall’entusiasmo della comunità a contribuire”, ha affermato Beniamino Di Girolamo, presidente della task force. “Le idee spaziano dall’impiego delle potenti risorse informatiche, ingegneristiche e tecniche del CERN, all’assistenza allo sforzo locale attraverso il supporto logistico e di risposta alle emergenze.” Tra i progetti in corso c’è la produzione di gel disinfettante e di utilizzo di stampa 3D per la produzione di dispositivi di protezione. 

Uno dei progetti più ambiziosi è la costruzione di un ventilatore polmonare. Questa idea nasce dalla necessità degli ospedali di aumentare il numero di posti letto in terapia intensiva.

Ventilatori polmonari progettati al CERN per il COVID-19

ventilatori polmonari
Struttura del progetto. Credits: CERN

Il COVID-19 ha messo in ginocchio i sistemi sanitari di tutto il mondo a causa del sovraffollamento delle terapie intensive. La priorità, nella lotta globale, è l’aumento di ventilatori polmonari. Il CERN, grazie alla task force, ha voluto dare il suo contributo con la prototipazione di questo nuovo ventilatore polmonare. I ventilatori progettati al CERN per il COVID-19 si chiamano HEV (High Energy physics community Ventilator). Saranno usati su pazienti con sintomi lievi o in via di guarigione, liberando posti letto in terapia intensiva e lasciando il posto ai malati più gravi.

Un ventilatore polmonare permette ai pazienti con insufficienza respiratoria, uno dei sintomi del COVID-19, di respirare. I fisici e ingegneri, impiegati in questo progetto, si sono ispirati ai ventilatori che regolano i flussi di gas nell’acceleratore. L’HEV è un ventilatore economico e fatto con componenti facili da reperire, che includono elettrovalvole, un contenitore tampone da due litri, un regolatore di pressione e numerosi sensori di pressione. 

Arduino e Rasbperry Pi sono i componenti integrati che garantiscono la portabilità del ventilatore. Inoltre, grazie al touch screen potrà essere utilizzato anche da personale medico non specializzato. Inoltre, richiedendo componenti a bassa potenza, potrà essere alimentato a batterie o a energia solare o con generatori di emergenza.

ventilatori polmonari

Prototipo di HEV

La prima fase di prototipazione è stata raggiunta il 27 marzo. In questa prima fase fisici e ingegneri hanno dato un notevole contributo per la parte tecnica ma manca il perfezionamento medico. Nella fase successiva, fisici ingegneri e medici lavoreranno insieme per migliorare le caratteristiche fisiche dei regolatori di pressione, delle valvole e dei sensori di pressione.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here