In questi giorni non si fa altro che parlare di The Witcher, grazie soprattutto alla serie TV produzione Netflix uscita il 20 dicembre, arrivando in pochi giorni in prima posizione nella classifica delle serie originali Netflix più amate.

A confermare ciò c’è anche un altro dato molto importante: The Witcher 3: Wild Hunt torna tra i più giocati su Steam di dicembre a quattro anni dalla sua uscita. Parliamo di numeri molto alti, con picchi di 48.000 utenti connessi contemporaneamente a giocare. Numeri che non si vedevano dall’estate del 2016, quando CD Projekt RED lanciò l’ultimo DLC, l’apprezzatissimo Blood & Wine.

Serie TV Netflix The Witcher

Meno di un anno fa, però, il celebre scrittore e autore dei romanzi di riguardanti questo fantastico mondo, Andrzej Sapkowski, ebbe uno scontro legale con la software house della fortunatissima trilogia videoludica, chiedendo 16 milioni di dollari di royalties derivanti dalle loro vendite.

The Witcher 3: Wild Hunt

The Witcher: Una speranza per il quarto capitolo

Il tutto nacque dopo il successo videoludico della trilogia. Anni prima l’autore, infatti, non credendo nel successo della sua opera, cedette i diritti del brand a poco. Un errore enorme, dato che ad oggi sono state vendute più di 40 milioni di copie.

Non si è saputo più nulla fino ad oggi. Pare infatti che Sapkowski e CD Project Red hanno trovato finalmente un accordo, stipulando un nuovo contratto tra le due parti.

Andrzej Sapkowski, scrittore di The Witcher

“Abbiamo sempre ammirato i lavori del signor Andrzej Sapkowski, una grande ispirazione per il team di CD Projekt RED. Credo che la giornata di oggi segni l’ingresso in una nuova fase della nostra relazione”

Adesso è quindi lecito poter sperare in un nuovo capitolo e riprendere il controllo del nostro amato Geralt di Riviat, ma intanto possiamo gustarci la nuova serie TV targata Netflix, che tra l’altro è stata già rinnovata per una seconda stagione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here