fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Ecco il display olografico Sony. Sarà una rivoluzione?

Avete mai sognato di possedere uno di quei dispositivi olografici presenti in Star Wars? Sarebbe fantastico, ma non esiste ancora qualcosa di così futuristico, putroppo. Sony, però, fa progressi con il suo nuovo display olografico: Spatial Reality Display

Conosciuta principalmente per i suoi beni di consumo, Sony ha appena annunciato un nuovo display olografico 3D da 5.000 dollari. L’azienda, con il suo nuovo prodotto Spatial Reality Display, si rivolge ai professionisti creativi che lavorano in campi come la computer grafica e gli effetti visivi per i film. Fondamentalmente è un modo per gli artisti di visualizzare le loro creazioni 3D senza dover indossare un visore VR, attraverso uno schermo che ricorda l’Amazon Echo Show. Secondo l’azienda, il display crea un “ambiente virtuale altamente realistico”.

display olografico
Il nuovo schermo Sony

Sony non è la prima, ma l’innovazione c’è!

L’azienda non è la prima a offrire questo tipo di tecnologia al pubblico (seppur estremamente di nicchia). Fino ad oggi lo schermo olografico più conosciuto era il The Looking Glass, prodotto dall’omonima azienda Looking Glass, ma a differenza dell’enorme schermo 8K, il prodotto Sony è in realtà progettato per un singolo utente, in particolare come schermo per il proprio PC desktop.

Il grande elemento di differenziazione tra lo Spatial Reality Display e il the Looking Glass è l’inclusione di un sensore che determina la posizione da cui l’utente osserva lo schermo. Il prodotto, infatti, modifica l’immagine in pochi millisecondi regolandola in base all’angolazione di visione dell’utente (calcolando la distanza in verticale, orizzontale e profondità dell’osservatore).

Lo schermo era già stato mostrato al CES di quest’anno, offrendo al pubblico una demo del rendering dell’auto Ecto-1 tratta dal prossimo film di Ghostbusters: Afterlife. Per la realizzazione del display, infatti, Sony ha collaborato con lo studio cinematografico Ghost Corps (che sta alle spalle della nuova pellicola sugli “acchiappa-fantasmi”) e con ingegneri della Volkswagen.

display olografico
Credit: Sean Hollister, The Verge

Le impressioni di chi lo ha provato e qualche specifica

Sean Hollister, giornalista per The Verge, è riuscito a farsi recapitare un Sony Spatial Reality Display per provarlo e recensirlo. Secondo le sue parole, sebbene le demo di Sony fossero piuttosto impressionanti, l’illusione olografica sarebbe facile da rompere, infatti “se ti inclini troppo, da qualsiasi lato, la fotocamera di Sony non può seguirti e l’effetto 3D scompare”. L’effetto tridimensionale è sparito anche quando sua moglie ha provato ad avvicinarsi allo schermo (evidentemente il dispositivo ha regolato l’immagine in base alla posizione di visione della donna). Sony si giustifica dicendo che il dispositivo è pensato per un osservatore alla volta. Per concludere, Hollister dichiara:

Personalmente, penso che gli oggetti virtuali si riescano a visualizzare meglio con un buon visore VR piuttosto che con uno schermo come questo, ma Sony afferma che i clienti a cui è rivolto il prodotto volevano un monitor fisso che “prendesse vita” sulla loro scrivania.

Confrontando il display Sony con uno tradizionale 2D, le specifiche del primo non sono esattamente strabilianti: 500 nits di luminosità massima e un rapporto di contrasto di 1.400:1. Buona la copertura dei colori Adobe RGB, che è di circa il 100%. Sony è fiduciosa che gli utenti rimarranno a bocca aperta quando vedranno di persona gli effetti 3D. L'unità ha anche un sistema audio 2.1 e può essere accoppiata con accessori opzionali come il controller gestuale Leap Motion.

Ma quali sono le specifiche per utilizzare lo schermo e creare contenuti 3D? Sicuramente un pc molto potente, che abbia Windows e che sia corredato da Unity o Unreal Engine. Il supporto per Mac non è previsto al day-one, ma arriverà molto presto. Se volete acquistare il display vi basta andare sul sito di Sony.

I progressi nel campo degli ologrammi sono interessanti, ma quanto tempo passerà prima di riuscire a comunicare tra di noi come dei veri jedi?

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su systemscue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here