Prima Apple, con la presunta collaborazione con LG per gli schermi flessibili, ora Samsung: negli ultimi giorni, i rumors su uno smartphone pieghevole sono aumentati.

Si ipotizza che l’annuncio sarà durante il CES 2019, a Las Vegas. Un anticipo rispetto a quando si diceva che sarebbe stato presentato all’MWC di Barcellona. In tal caso, sarebbe la prima volta che l’azienda sud-coreana presenta uno smartphone all’evento.

Ma che cosa sappiamo per ora di questo smartphone innovativo?

Un display indistruttibile

Oltre all’essere pieghevole, il display del presunto smartphone sarà anche indistruttibile. Secondo indiscrezioni, infatti, il dispositivo monterà il nuovo display presentato da Samsung nella primavera 2018. Esso sarà resistente a qualsiasi tipo di caduta o urto, e migliore anche dell’attuale Gorilla Glass 6. Il display è infatti dotato di un substrato di plastica, al posto di quello in vetro che può essere frantumato.

Lo schermo ha superato diversi test dell’organizzazione Underwriters Laboratories, ottenendo la certificazione. Un esempio di alcune prove? 26 cadute consecutive da due metri di altezza e test ad esposizione al calore al freddo (dai -32 ai 71 gradi). Insomma, anche i più maldestri o i più avventurosi potranno stare tranquilli.

Il display che sarà utilizzato per lo smartphone, in particolare, sarà da 6.2 pollici, un OLED con una risoluzione di 2960×1440. Assolutamente impressionante.

Il presunto Galaxy X
Possibile aspetto del Galaxy X, il presunto nuovo Smartphone di Samsung. Credits: tuttoandroid.net

Samsung ha depositato diversi brevetti per lo smartphone pieghevole, e tra le ipotesi più accreditate c’è il “design a portafoglio”.

Prezzo e produzione

Pare che Samsung limiterà il numero di unità prodotte, adattandosi alla richiesta della clientela. La produzione si aggirerà tra 300.000 e 500.000 unità e il prezzo sarà intorno ai 2.000 Euro. Una cifra ingente, ma che potrebbe giustificare le sue caratteristiche.

Oltre che sullo smartphone, lo schermo verrà probabilmente utilizzato per i display delle macchine, console portatili, tablet e dispositivi militari mobile.

Un esempio di schermo flessibile
Un esempio di schermo flessibile che potrebbe utilizzare Samsung per il suo smartphone. Credits: www.insidehook.com

Samsung ha confermato poche notizie fino ad ora, e lo smartphone potrebbe addirittura non chiamarsi Galaxy X: questo potrebbe essere invece il nome del primo gaming smartphone dell’azienda.

Attendiamo quindi il 2019 per conoscere questo misterioso smartphone. E che si chiami Galaxy X o no, una cosa è certa: il mondo degli schermi mobile sta per essere cambiato per sempre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here