fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Riconoscimento facciale con un finto volto 3D: Android Vs iOS

Molti si chiedono chi, tra Android e iOS, fornisce una sicurezza migliore per i propri dispositivi e, in particolare, lo sblocco del dispositivo tramite riconoscimento facciale.

Forbes ha voluto testare quanto sicuri siano i dispositivi utilizzando un volto reale, ricostruito in 3D, con risultati poco rassicuranti.

Volto 3D. Credits: forbes.com

Il volto è stato realizzato e stampato presso l’azienda inglese Backface di Birminghan, dove vengono utilizzate ben 50 telecamere per riprendere da diverse prospettive il volto e ricostruire il modello 3D.

Il modello 3D ottenuto viene poi elaborato attraverso un software di editing e successivamente stampato a grandezza naturale con strati di polvere di gesso.

Diversi gradi di sicurezza tra i diversi dispositivi

Sono stati esaminati ben 4 modelli diversi di smartphone Android, LG G7 ThinQ, OnePlus 6, Samsung Galaxy S9 e Samsung Note 8, e un iPhone X.

Partendo subito con il dire che tutti i modelli Android sono stati sbloccati senza troppe difficoltà, mentre l’iPhone X è stato l’unico a non permettere l’accesso al terminale, è curioso notare come, con i vari modelli Android testati, ci sia stato un diverso grado di difficoltà nel sbloccarli.

Credits: forbes.com

Il più vulnerabile è stato il OnePlus 6, sbloccato senza troppe difficoltà, mentre l’LG G7 e S9 sono stati i meno vunerabili. Con quest’ultimi infatti, non è stato possibile accedere attraverso la scansione dell’iride ma solo attraverso il normale riconoscimento del finto volto, dopo essere stato ben illuminato e provato diverse angolazioni.

Non c’è stato invece verso di far sbloccare l’iPhone X, che con il suo Face ID ha chiaramente dato i suoi frutti. Lo stesso risultato è stato ottenuto dai PC Microsoft, che utilizzano Windows Hello.

È importante notare come i dispositivi Android sottolineano che il riconoscimento del volto sia un metodo secondario e meno sicuro. La maggior parte dei produttori infatti consiglia l’utilizzo di password, PIN o sblocco tramite impronta digitale, considerati metodi più sicuri.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here