fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Ricercare un brano su Google canticchiando? Adesso si può!

Se hai una canzone che ti ronza in testa e non conosci il titolo, ora Google può aiutarti! La nuova funzionalità ti consente di trovare il brano giusto direttamente nella barra di ricerca.

Quante volte ti sarà capitato di canticchiare una canzone e di volerne conoscere il titolo? C’è una novità in casa Google che fa al caso nostro. Non sarà più necessario eseguire una ricerche assurde su Google per individuare il titolo di un brano.

In passato la ricerca di un brano musicale su Google poteva essere davvero complicato. C'è però chi si faceva capire anche senza difficoltà.
Credit: Yahoo Answer. In passato cercare un brano musicale poteva essere davvero complicato. C’è però chi si faceva capire anche senza difficoltà.

Fino ad ora app come Shazam aveva già portato un grosso contributo a questo tipo di problematica ma Google fa di più. Nella barra di ricerca sarà possibile ricercare una canzone semplicemente fischiettandola o canticchiandola.

Cerca un brano nella barra di ricerca canticchiando

Sul blog Google The Keyboard viene presentata questa novità. Una canzone fischiettata o canticchiata potrà essere ricercata in un baleno. Il funzionamento dell’algoritmo è semplice: la canzone fischiettata viene convertita in digitale, dopodiché viene fatto un match tra il segnale così ottenuto e quelli presenti nel database di Google. Tra i risultati ottenuti verranno mostrate le alternative più plausibili per la scelta.

Sul proprio smartphone, bisognerà seguire questi semplici passi: aprire l’ultima versione dell’app Google, toccare l’icona del microfono pronunciando la frase “cos’è questo brano?”. O ancora basterà fare clic sul pulsante “Cerca una canzone”. Quindi iniziare a canticchiare per 10-15 secondi il brano scelto ed attendere il risultato.

La funzionalità sarà abilitata ovviamente anche su Google Assistant e sarà altrettanto semplice da utilizzare. “Hey Google, conosci questa canzone?” e poi canticchia la melodia. A questo punto il motore di ricerca mostrerà tutti i possibili risultati ottenuti dall’algoritmo. In questo caso i risultati verranno mostrati in base alla percentuale di corrispondenza tra il brano mormorato e quelli individuati.

La funzionalità prevede di poter trovare il brano ricercato semplicemnte canticchiando
Credit: Google Keyboard. La nuova funzione sarà disponibile direttamente sulla barra di ricerca Google. Basterà pigiare ‘Cerca una canzone’ e cominciare a canticchiare.

Una volta scelta la corrispondenza migliore sarà possibile esplorare tutte le informazioni riguardanti quella canzone. L’artista, la visualizzazione di eventuali video musicali di accompagnamento saranno a portata di clic. Sarà inoltre possibile ascoltare la canzone sull’app musicale preferita, consultarne il testo, leggere l’analisi e persino ascoltare altre versioni del brano quando disponibili.

L’algoritmo di music recognition

Ma qual è la strategia dietro questa nuova funzionalità? L’assunzione di base è che qualsiasi suono, compreso quella della voce di ognuno di noi, ha un’identità unica. Dunque proprio come accade per le impronte digitali non possono esistere due corrispondenze esatte. Una volta appurato ciò, è stato “sufficiente” creare modelli di machine learning in grado di tradurre il fischio o il motivo di una canzone nella sua corrispondente impronta digitale.

Questi modelli di machine learning trasformano l’audio in una sequenza di numeri che rappresenta la melodia del brano. L’identificazione della canzone si basa su una grande varietà di fonti, tra cui anche il fischio o il mormorio delle persone. Ovviamente inseguito a questa prima scrematura seguirà l’eliminazione di tutti gli altri dettagli, come gli strumenti di accompagnamento e il timbro e il tono della voce del cantante.

L'algoritmo di google ricerca il mormorio del brano canticchiato con l'informazione contenuta nel database
Credit: Google Keyboard. L’algoritmo di music recognition trasforma il brano canticchiato in digitale per poterlo matchare con quelli contenuti nel proprio database.

Ciò che resterà sarà esclusivamente la sequenza basata sui numeri della canzone ovvero la sua “impronta digitale”. Lo sviluppo di un algoritmo di questo genere deriva dal lavoro messo a punto dalle tecnologie di music recognition. La rete neurale così composta è frutto dello studio di un team che si occupa prevalentemente di questo ambito di ricerca da diverso tempo. Nel corso degli anni si è passati dallo sviluppo di app per l’ascolto di musica alle funzioni di Sound Search, servizio molto simile a quello di Shazam. Il passo successivo non poteva che essere quello di sviluppare la ricerca di brani musicali solo grazie ad un mormorio.

Nuovi sviluppi

Il colosso di Mountain View sta sfornando diverse novità in ambito di intelligenza artificiale. Recentemente è stata anche annunciata una nuova funzionalità che consente al proprio smartphone di rimanere in attesa di un operatore al posto nostro. Anche questa può essere vista un’applicazione degli algoritmi di speech recognition, molto simile alla casistica descritta qui.

Sicuramente nei prossimi mesi assisteremo ad altre novità di questo tipo, dal momento che la ricerca in questo settore sta compiendo passi da gigante.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su systemscue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Antonia Sacchitellahttps://systemscue.it
Sono laureata in Ingegneria Informatica e Tecnologie dell'Informazione. Amo leggere e divulgare sapere.