Home » Navigare in Internet in totale sicurezza: è possibile?

Navigare in Internet in totale sicurezza: è possibile?

Navigare in Internet ci espone ad alcuni pericoli ma è possibile farlo in totale sicurezza? Le VPN ci aiutano ad essere protetti nelle nostre attività.

Categorie I'm the creeper

C’è tantissima preoccupazione ogni volta che si accede a Internet e ci si chiede se è possibile navigare in sicurezza. Anche le persone meno alfabetizzate, in tal senso, sanno che navigare online può esporci ad una serie di pericoli da non sottovalutare. Ogni volta che navighiamo in rete, lasciamo delle tracce che possono essere intercettate e utilizzate contro di noi. Parliamo di dati sensibili. Ecco perché è cresciuta sempre di più la necessità di proteggersi e di evitare sorprese. Ma allora è possibile navigare in totale sicurezza? Una soluzione potrebbe essere quella di utilizzare una rete VPN. Vediamo di cosa si tratta.

VPN: ecco cosa sapere

Probabilmente ne avrai già sentito parlare, ma forse non sai di preciso di cosa si tratti. Quando parliamo di VPN intendiamo nient’altro che una rete privata virtuale (Virtual Private Network), la quale consente di poter filtrare tutte le nostre informazioni mentre navighiamo in rete, proteggendole da eventuali malintenzionati. Servizi come VPN Italia che permettono di assicurarci una protezione massima mentre siamo online, proteggendoci da eventuali attacchi hacker.

Le reti VPN permettono di mettere in sicurezza la navigazione degli utenti in ogni momento.

Le reti VPN si sono diffuse in maniera molto significativa negli ultimi anni. Questo perché si sono diffusi gli attacchi di malintenzionati della rete, che colpiscono privati e istituzioni, e poi perché le persone hanno cominciato a capire i pericoli a cui possono andare incontro. Se fino a qualche anno fa c’era molta meno coscienza dei rischi, oggi le cose sono ben diverse. Gli utenti, anche privati, cercano di proteggersi come possono, e le reti di questo tipo risultano eccezionalmente utili ed economiche.

VPN: funzionamento e tipologie

Per correttezza di informazione, va detto che esistono due tipi differenti di reti VPN. Nel primo caso abbiamo le reti ad accesso remoto, le quali permettono un collegamento attraverso un server di rete privata, con internet; e poi abbiamo le reti VPN site-to-site, che invece permettono di collegarsi ad una rete privata con un router.

Le reti site-to-site mettono in comunicazione due LAN mentre le reti remote access collegano un singolo dispositivo a una LAN.

Il funzionamento, generale, delle reti VPN non è complesso. Queste connessioni riescono a criptare il traffico mentre si naviga in rete, in modo tale da proteggere i nostri dati, compreso l’IP. Quando navighiamo, infatti, lasciamo delle tracce che possono essere carpite da malintenzionati e utilizzate poi contro di noi. Con le VPN si risolve questo problema: i dati rimangono anonimi e indecifrati.

Come abbiamo accennato già, l’utilizzo di queste tipologie di reti è molto ampio. Viene utilizzato sicuramente da tanti privati, i quali non hanno necessità di avere delle conoscenze tecniche molto particolari per poterne fruire. Ma non soltanto per proteggersi, anche per un altro motivo le VPN sono particolarmente efficaci per i privati. Queste consentono di aggirare il cosiddetto geoblocking. Di cosa si tratta? Non è altro che un blocco di alcuni contenuti, in particolare dei siti web, che viene effettuato in alcuni Paesi. Con una rete VPN si bypassa questo problema.

E poi ci sono le aziende. Queste trovano un beneficio enorme in questo tipo di tecnologia, la quale ha costi molto contenuti, e può essere diffusa nelle varie sedi di un’azienda, assicurando protezione massima anche in caso di smartworking.