Home » LG: schermi OLED che diventano porte scorrevoli trasparenti

LG: schermi OLED che diventano porte scorrevoli trasparenti

Categorie Inside IT

Li abbiamo visti nei film futuristici e nei videogiochi, e adesso stanno per diventare realtà: LG ha annunciato gli schermi OLED che fungono da porte scorrevoli e trasparenti.

L’annuncio è comparso sulla pagina ufficiale di LG poche ore fa, ma attualmente non più disponibile. Forse un errore di pubblicazione della notizia, rimasto in rete abbastanza a lungo per carpirne le caratteristiche salienti e farci immergere in quel futuro che abbiamo sempre visto solo sullo schermo.

LG: porte scorrevoli con schermi OLED

Immaginate di entrare in un supermercato e vedere le porte scorrevoli che vi danno il benvenuto. Due schermi OLED trasparenti che scorrono mentre forniscono informazioni sul luogo dove state entrando o sulle previsioni del tempo. Oppure spostarvi in un aeroporto mentre le porte scorrevoli vi informano su arrivi e partenze. La partnership tra LG e Assa Abloy Entrance Systems, che produce porte e pannelli scorrevoli, mira a rendere tutto questo realtà.

LG aveva già mostrato i suoi display trasparenti all’ISE 2019 e al CES, confermandosi ancora una volta come leader d’innovazione nel mercato dei display. Ora l’azienda coreana fa un passo avanti, inserendosi nel mercato delle porte scorrevoli e rivoluzionando l’esperienza pubblica.

Soluzioni di questo tipo possono essere usate per diversi e variegati scopi. L’idea di LG è di iniziare con il business e la pubblicità, realizzando porte scorrevoli con schermi OLED che mostrino annunci e offerte, sia nei negozi che nei luoghi pubblici. Non solo: in un contesto aziendale possono essere usate per gestire le comunicazioni ai dipendenti.

La tecnologia degli schermi trasparenti è già in uso nelle metropolitane di Pechino e Shenzhen, dove al posto dei finestrini ci sono i display OLED LG. I passeggeri possono guardare all’esterno e contemporaneamente avere informazioni su orari, stato dei treni e collegamenti sulla linea.

Gli schermi LG OLED utilizzati come porte scorrevoli. Credits: LG Electronics
Gli schermi LG OLED utilizzati come porte scorrevoli. Credits: LG Electronics

Oltre all’annuncio del memorandum d’intesa tra le due aziende non si hanno molte informazioni. LG non ha comunicato nessuna data o periodo in cui la tecnologia verrà ufficialmente installata, probabilmente a causa dell’incertezza mondiale dovuta alla pandemia.

La tecnologia Transparent OLED Signage

Dietro gli schermi scorrevoli c’è la tecnologia OLED, ormai fondamentale nell’innovazione. Grazie ai bassi consumi, la miglior qualità dell’immagine e l’angolo di visione che arriva fino a 84 gradi, sta ormai venendo adottata dalla maggior parte delle aziende produttrici di display.

Durante il MEA LG Connect di Dubai 2019 l’azienda sudcoreana ha presentato la sua tecnologia Transparent OLED Signage, volta a trasformare gli spazi, soprattutto commerciali, in ambienti digitali. L’OLED è stata perfezionata dall’azienda per andare incontro alle richieste del mercato, sia quello al dettaglio che all’ingrosso.

La tecnologia di LG permette agli schermi di avere una trasparenza fino al 38%. Lo scopo è rivoluzionare il mondo della pubblicità e degli annunci, mantenendo i colori accesi e la vividezza dell’immagine.

Gli schermi LG OLED utilizzati negli showroom. Credits: LG Electronics
Gli schermi LG OLED utilizzati negli showroom. Credits: LG Electronics

Gli schermi OLED trasparenti riescono nella duplice impresa di separare gli ambienti e unire diverse aree, a seconda delle necessità. La trasparenza evita una separazione netta tra gli spazi, ma al contempo il display determina un passaggio graduale tra i diversi luoghi. L’installazione di un display di questo tipo è ideale per grandi spazi e showroom, usati durante eventi di presentazione di nuovi prodotti.

Gli schermi permettono di aggiungere un ulteriore strato di informazione, accompagnando quello meramente fisico. I display, infatti, possono aumentare il coinvolgimento dell’utente nella scoperta di un prodotto, rendendo l’esperienza interattiva.

Lascia un commento