fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

InSight comunica grazie a due professori del Politecnico di Torino

Il 26 novembre 2018 è arrivato, sulla superficie di Marte, il lander InSight. La missione, partita a maggio dello stesso anno, ha viaggiato per mesi nello spazio profondo, portando con sè anche qualcosa che arriva dal Politecnico di Torino.

I codici che vengono utilizzati per le comunicazioni tra il lander e gli scienziati, per fare in modo che i dati raccolti arrivino correttamente fino a Terra, sono stati inventati proprio da due docenti dell’ateneo in questione: Sergio Benedetto e Guido Montorsi.

Vista del braccio robotico e del pannello solare del Lander. Credits: NASA

“Insieme ai colleghi del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, guidati da Dariush Divsalar, abbiamo inventato i codici Ccsds, racconta Sergio Benedetto.

“Sono lo strumento con cui è possibile comunicare con una sonda spedita così lontano dalla terra.”.

La difficoltà delle comunicazioni nello spazio

Le comunicazioni tra Insight e Terra avverranno tramite il Mars Reconnaissance Orbiter”, spiegano dal Politecnico.

“Data l’enorme distanza percorsa, il segnale arriva a Terra con livelli di potenza bassissimi, e richiede l’uso di codici estremamente potenti per la correzione degli errori.”.

Infatti, per comunicare con strumenti che lavorano non molto lontani dalla Terra, come i vari satelliti in orbita terrestre, la Stazione Spaziale Internazionale o satelliti in orbita attorno alla Luna, non ci sono grossi problemi. Ma con distanze che oscillano trai 55 e i 401 milioni di km, come la distanza Terra – Marte, le cose cambiano.

“Per quanto sia potente un’antenna che deve recepire i messaggi arrivati dalle sonde inviate su Marte, per colpa dei rumori di fondo prodotti dalle correnti e dalle antenne stesse, è impossibile ricevere informazioni che non siano piene di errori e inutilizzabili, spiega Benedetto.

Tra le prime foto inviate da Insight. Credits: NASA

“Foto, dati e video vengono comunicati in linguaggio binario, con serie di “1” e “0”. I rumori modificano queste serie e le fanno sballare. 

Grazie a questo codice che abbiamo inventato, però, il problema è superato. Noi forniamo una sorta di “giacca” ai dati inviati. Circondiamo il ‘bit’ del dato che dobbiamo ricevere con tanti altri ‘bit’ che lo proteggono e lo facciamo arrivare integro alla base”.

E’ grazie a questa invenzione che oggi possiamo comunicare con sonde così lontane da noi.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here