Home » Ingegneria robotica, dell’automazione, meccatronica: corsi di laurea in Italia

Ingegneria robotica, dell’automazione, meccatronica: corsi di laurea in Italia

Scopriamo insieme le offerte formative che tutte le università italiane mettono a disposizione, il tasso occupazionale dei laureati in questo settore e gli sbocchi lavorativi.

Categorie Inside IT · Io, Robot

Ogni giorno sentiamo parlare di tematiche come la robotica, la domotica, la stampa3D, i droni, l’intelligenza artificiale e l’industria4.0. Al giorno d’oggi, per esempio, è impensabile vivere senza l’ausilio di robot: basti pensare che praticamente la maggior parte delle industrie mondiali utilizza catene automatizzate, inoltre l’Italia è seconda in Europa e sesta nel mondo per numero di robot. Perché, allora, se sei appassionato di informatica, elettronica o matematica/fisica, non approfondisci queste tematiche diventando tu stesso l’ingegnere che un giorno si occuperà di queste macchine? In questa sezione scopriremo quali i corsi di laurea triennali che mettono a disposizione i vari atenei italiani e soprattutto cosa si studia nell’ingegneria robotica.

Corsi di laurea ingegneria robotica
Gli Atenei italiano offrono molta varietà di corsi di laurea per robotica, domotica e meccatronica.

Partendo col descrivere la figura professionale dell’Ingegnere dell’automazione, quest’ultimo è colui che progetta, realizza e gestisce apparati e sistemi “automatici”, ovvero che funzionano indipendentemente dall’intervento dell’uomo. La meccatronica, in particolare, è la disciplina che unisce l’elettronica, la meccanica, l’informatica, l’automatica e l’elettrica per la realizzazione di queste macchine (intesi come sistemi complessi dotati di organi di cui almeno uno è mobile). Oltre ad elementi puramente meccanici, ad oggi vi è bisogno di ingegneri meccatronici poiché in ogni macchina sono presenti elementi appunto “meccatronici” (sensori, attuatori, dispositivi di controllo) che rendono le macchine “intelligenti”. Si capisce già che l’ingegnere dell’automazione/robotico/meccatronico deve aver un carattere multidisciplinare.

Durante il corso di studio Triennale solitamente il primo biennio è volto a far acquisire le conoscenze di base quali la matematica, la fisica, l’elettrotecnica, l’elettronica, la meccanica, l’informatica, mentre il terzo anno è molto specialistico e permette di imparare discipline caratterizzanti come le macchine elettriche, le misure elettriche ed elettroniche, la robotica mobile ed industriale, l’elettronica di potenza e molte altre. La maggior parte dei corsi triennali in Ingegneria dell’Automazione comprendono le seguenti materie:

  • Analisi Matematica
  • Fisica
  • Fisica Tecnica
  • Fondamenti di Informatica
  • Geometria ed Algebra Lineare
  • Elettrotecnica
  • Elettronica
  • Fondamenti di telecomunicazioni
  • Controlli Automatici
  • Meccanica applicata alle macchine
  • Robotica Mobile ed Industriale
  • Macchine ed Azionamenti Elettrici
  • Misure elettriche ed elettroniche
  • Elettronica dei sistemi digitali
  • Automazione Industriale

Ingegneria robotica: corsi di laurea triennali in Italia

Per intraprendere un percorso universitario di questo tipo è possibile scegliere un corso di studio Triennale in Ingegneria Elettronica, in Ingegneria Informatica o in Ingegneria Elettrica che forniscono comunque solide basi. In seguito ci si specializza con un percorso magistrale in automazione/robotica/meccatronica, ma è altresì consigliato scegliere fin dal percorso triennale i seguenti corsi:

  • Università degli Studi di PalermoIngegneria Cibernetica
  • Politecnico di MilanoIngegneria dell’Automazione
  • Università degli Studi di PadovaIngegneria Meccatronica
  • Università degli Studi di Napoli Federico IIIngegneria dell’Automazione
  • Università degli Studi di BresciaIngegneria dell’Automazione Industriale
  • Università di Bologna Alma Mater StudiorumIngegneria dell’Automazione
  • Università degli Studi dell’AquilaIngegneria dell’Informazione – Ingegneria Automatica
  • Università degli Studi di Modena e Reggio EmiliaIngegneria Meccatronica
  • Università di Roma La SapienzaIngegneria Informatica e Automatica
  • Università Politecnica delle MarcheIngegneria Informatica e dell’Automazione
  • Politecnico di BariIngegneria Informatica e dell’Automazione

Corsi di studio magistrali in Italia

Un corso di studio magistrale in ingegneria dell’automazione, sicuramente, fornisce tantissime competenze trasversali e molto attuali, inerenti al settore dell’Ingegneria dell’automazione (Classe di laurea LM-25). Di seguito vengono elencati tutti i corsi di laurea magistrali che gli atenei italiani forniscono nell’ambito dell’ingegneria robotica. Un riferimento particolare va fatto al nuovissimo corso in ingegneria dei sistemi ciber-fisici per l’industria dell’Università degli Studi di Palermo, il quale tratta tematiche inerenti all’Industria 4.0 che si discostano rispetto agli altri corsi.

  • Università degli Studi di PalermoIngegneria dei Sistemi Ciber-Fisici per l’Industria;
  • Università degli Studi di PadovaControl System EngineeringIngegneria Meccatronica;
  • Politecnico di TorinoMechatronic Engineering;
  • Università degli Studi di Roma Tor VergataIngegneria dell’Automazione;
  • Università di Roma La SapienzaArtificial Intelligence and RoboticsControl Engineering – Ingegneria Automatica;
  • Università degli Studi di CataniaAutomation Engineering and Control of Complex System;
  • Università di PisaIngegneria Robotica e dell’Automazione;
  • Università di PaviaIndustrial Automation Engineering;
  • Università della CalabriaRobotics and Automation Engineering;
  • Università degli Studi di FirenzeIngegneria Elettrica e dell’Automazione;
  • Università degli Studi di BresciaIngegneria dell’Automazione Industriale;
  • Università di Bologna Alma Mater StudiorumAutomation Engineering;
  • Politecnico di MilanoIngegneria dell’Automazione;
  • Università di GenovaRobotics Engineering;
  • Politecnico di BariIngegneria dell’Automazione;
  • Università di TrentoMechatronics Engineering.

Gli sbocchi lavorativi e il tasso occupazionale

Il laureato in ingegneria dell’automazione ha delle competenze molto diversificate che gli consentono di inserirsi in vari scenari lavorativi in cui i principi dell’automazione rivestono un ruolo importante. Ad esempio, il laureato potrebbe trovare occupazione in aziende elettroniche, automobilistiche, aerospaziali, di robotica industriale, mobile e sottomarina. Inoltre, potrà lavorare in aziende produttrici di servizi di rete, distribuzione dell’energia, erogatrici di servizi di automazione civile ed industriale. Infine, il laureato potrà effettuare lavoro di ricerca presso enti nazionali nel settore dell’automazione.

Un corso di laurea in ingegneria dell’automazione offre competenze variegate.

Parlando del tasso occupazionale degli ingegneri dell’automazione, vi presentiamo i seguenti dati tratti da Almalaurea (anno di indagine 2019):

  • Laurea Triennale in Ingegneria dell’Informazione L-8 (indagine 1 anno dalla laurea)
    • 83,5% dei laureati si è iscritta ad un corso di laurea Magistrale;
    • 25,6% lavora, 69,4% non lavora e non cerca lavoro, 5% non lavora ma cerca;
    • Retribuzione mensile media netta di 1169 €
  • Laurea Triennale in Ingegneria Industriale L-9 (indagine 1 anno dalla laurea)
    • 89,3% dei laureati si è iscritta ad un corso di laurea Magistrale;
    • 18,8% lavora, 74,9% non lavora e non cerca lavoro, 6,3% non lavora ma cerca;
    • Retribuzione mensile media netta di 966 €
  • Laurea Magistrale in Ingegneria dell’Automazione LM-25 (indagine 1-3-5 anni dalla laurea)
    • Ad 1 anno dalla laurea 80,1% dei laureati lavora (Retribuzione mensile media netta 1608 €);
    • A 3 anni dalla laurea 83,3% dei laureati lavora (Retribuzione mensile media netta 1803 €);
    • A 5 anni dalla laurea 92,8% dei laureati lavora (Retribuzione mensile media netta 1883 €);

Articolo a cura di Massimo Romano