fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

GAN Art: creare un’opera d’arte? Klingemann lo lascia fare all’IA!

Mario Klingemann, pittore tedesco, ha dato il via a un nuovo movimento artistico: la GAN Art. Si basa sull’utilizzo di reti neurali GAN per creare opere originali.

[Arte e IA, episodio 9]
Hai già letto gli altri episodi? Scopri cos'è una GAN!

Come abbiamo visto negli scorsi episodi, l’invenzione delle GAN è stata di fondamentale importanza per lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale. Ma non solo! Anche nel mondo dell’arte ha portato una ventata di aria fresca: pochi anni fa è nato quella corrente artistica che prende il nome di GAN Art, di cui Mario Klingemann è il pioniere.

Klingemann è un artista tedesco appassionato di programmazione, attualmente impiegato presso il Google Cultural Institute di Parigi. Ciò che ha portato Klingemann ad avvicinarsi alle GAN, come spiega lui stesso, è la loro capacità di generare sorpresa e serendipità: puoi addestrare la macchina a eseguire qualcosa di specifico, ma essa sembra comunque avere una propria volontà che la porta a non seguire ogni istruzione alla lettera.

Immagine generata dalla GAN di Klingemann per la serie “Pose-to-Picture”.
Credit: https://flash—art.com/article/mario-klingemann/

Le analogie della GAN Art con altre arti visive

L’artista vede somiglianze tra la GAN Art e la “vera” pittura. Il processo che porta la rete generatrice a creare un’immagine che sia credibile per la rete discriminatrice (vi rimando alla lettura dello scorso episodio per comprenderlo meglio) è equiparabile a quello di un pittore che comincia un dipinto, lo lascia incompiuto, per poi raccoglierlo qualche settimana dopo e ridipingerlo, lasciando però intatti quegli elementi che considerava buoni.

Klingemann coglie analogie anche tra GAN Art e fotografia, infatti dice che nello stesso modo in cui un fotografo esce fuori casa e incornicia ciò che ritiene migliore, così l’artista che lavora con le GAN “entra” in queste reti neurali, che sono come mondi multidimensionali, e chiede alla macchina: “dimmi come appare l’immagine a questa precisa coordinata”.

Il lavoro di Klingemann, tra pornostar e figure stilizzate

Klingemann ha diviso il proprio lavoro in serie di opere. La serie “Pose-to-Picture” del 2017 è sicuramente tra le più affascinanti. Per completarla, l’artista, ha sviluppato il proprio modello di rete neurale GAN addestrandolo con un set di dati costituito da figure stilizzate di posture umane e foto pornografiche (così che la macchina potesse comprendere meglio le pose umane analizzando i corpi umani nella loro nudità).

Immagine generata dalla GAN di Klingemann per la serie “Pose-to-Picture”.
Credit: https://flash—art.com/article/mario-klingemann/

Come si può notare dai suoi lavori, la forza di Klingemann sta nel potenziare e trasformare radicalmente le immagini esistenti, creando qualcosa a metà tra realismo ed astrattismo. L’utilizzo, da parte di Klingemann, di una GAN poco addestrata, gli ha permesso proprio questo: la generazione di figure vagamente umane, lontanissime dal realismo, ma di certo non astratte.

Memories of Passersby I, l’opera in continuo movimento venduta per 40 000 sterline

Nel 2018 il suo lavoro Memories of Passersby I è stata una delle prime opere di intelligenza artificiale mai venduta da una casa d’aste (ceduta da Sotheby’s per 40.000 sterline il 6 marzo 2018). Potete osservarla nel video qua sotto.

Memories of Passersby I, Mario Klingemann (2018)

Memories of Passersby I non è una scultura o un dipinto. È un computer che, utilizzando una GAN, genera in tempo reale ritratti di persone totalmente inventate e li mostra su due schermi 4K a esso collegati. Il sistema informatico è nascosto all’interno di un mobile dall’aspetto antico che sembra una radio d’epoca.

La GAN utilizzata da quest’opera è stata addestrata con quadri rappresentanti poeti tratti dalla storia dell’arte europea. Le immagini visualizzate sugli schermi (a sinistra soggetti maschili, a destra femminili) sono generate in tempo reale, quindi sono prodotte, non riprodotte.

Klingemann ha specificato che non sono le immagini prodotte dal software le opere d’arte, bensì il codice informatico che le genera.

Klingemann oggi, arte e musica

La GAN Art visiva di Klingemann, nel 2020, sembra stia esplorando il territorio musicale. L’artista ha infatti collaborato con i grandissimi Massive Attack (ricordate quel capolavoro di album che era Mezzanine?) per realizzare diversi video del loro ultimo EP intitolato Eutopia.

Uno degli ultimi videoclip dei Massive Attack con visuals di Mario Klingemann

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su systemscue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

https://flash—art.com/article/mario-klingemann/

https://www.sothebys.com/en/articles/artist-mario-klingemann-on-artificial-intelligence-art-tech-and-our-future

http://quasimondo.com/

https://djmag.com/news/massive-attack-debut-new-audiovisual-ep-%E2%80%98eutopia%E2%80%99-listen

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here