fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

La nuova famiglia Pixel di Google

Qualche giorno fa abbiamo parlato di Google Pixel 4 e del suo modo non troppo etico di effettuare i test per il riconoscimento facciale. Oggi, all’evento Google a New York, il nuovo smartphone è stato ufficialmente presentato al pubblico, assieme al resto dei device della stessa serie.

La famiglia di dispositivi si presenta come competitor di iPhone, AirPods e Macbook, portando con sé molte novità. Scopriamo quali!

Spazio ai nuovi Pixel

Seguendo il trend degli ultimi anni, per gli smartphone troviamo la versione normale e la versione Large, con schermi rispettivamente da 5.7 e 6.3 pollici. I due si distinguono anche per la batteria: per il base abbiamo 2800 mAh, mentre per il 4L 3700 mAh; le altre caratteristiche sono invece uguali per entrambi. Gli smartphone presentano uno schermo OLED con risoluzione FullHD+ di tipo Smooth Display, cioè con un refresh rate di 90Hz.

Per quanto riguarda il processore troviamo lo Snapdragon 855; parlando di memoria, invece, abbiamo 6GB di RAM e 64/128GB di storage. Entrambi supportano lo sblocco facciale 3D e montano il chip radar Soli per le funzioni di Motion Sense, che permettono di controllare lo smartphone senza toccarlo.

La linea Pixel 4 di Google. Credits: techccrunch.com
La linea Pixel 4 di Google. Credits: techccrunch.com

Miglioramenti anche per le fotocamere: 8MP per quella frontale, 12MP e 16MP per quelle posteriori. Anche il software dedicato fa dei passi avanti: saranno presenti le modalità Live HDR+, notturna con Astro fotografia, e i controlli per la doppia esposizione. I costi? da 799 dollari a salire.

Pixel Buds 2 e Pixelbook GO

Ad affiancare i due nuovi smartphone arrivano anche le cuffie wireless e il notebook targato Google. Le prime si confrontano direttamente con gli AirPods di Apple diventando wireless e con un case con ricarica integrata. Il prezzo è di 179 dollari.

Pixel Buds. Credits: 9to5mac.com
Pixel Buds. Credits: 9to5mac.com

Passando al notebook, Pixelbook GO non sarà un convertibile. Sarà un 16:9, contrariamente ai Chromebook classici a 3:2, e avrà una versione con risoluzione 4K. Disponibile con 8 o 16 GB di RAM, e con memoria da 64/128/256 GB. Il prezzo è abbastanza competitivo: 649 dollari.

La nuova app “Recorder”

Con i nuovi smartphone Google introduce anche un’applicazione per la registrazione vocale che avrà una caratteristica importante: potrà funzionare anche senza connessione a internet. Chiamata semplicemente Recorder, l’app è in grado di convertire il parlato in scritto in real-time e senza necessità di connettersi a internet. Per i device Google questa è una novità: prima d’ora non ci sono mai state applicazioni di trascrizione built-in nei dispositivi Google.

Diversamente dagli altri voice recorder, come ad esempio Voice Memo di Apple, Recorder non ha bisogno di caricare la registrazione su un server e poi scaricare il testo. Questo implica che la registrazione non passa su server potenzialmente di terze parti. Ciò è possibile grazie ad un nuovo modello di language processing che Google è riuscito a ridurre in modo che potesse essere eseguito direttamente sullo smartphone.

L'applicazione Recorder in azione, mentre traduce l'intero discorso alla conferenza. Credits: theverge.com
L’applicazione Recorder in azione, mentre traduce l’intero discorso alla conferenza. Credits: theverge.com

L’app è anche in grado di individuare suoni quali applausi o musica. Attualmente è disponibile soltanto in lingua inglese, ma Google prevede di rilasciare più lingue nel corso del prossimo anno.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Marina Londei
Laureata in Ingegneria e Scienze Informatiche, unisco la passione per la scrittura al mio lavoro.