fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Programmiamo il computer quantistico! – Proviamo il computer quantistico di IBM! – Parte 3

Programmiamo il computer quantistico!
IBM ha lanciato il suo programma IBM Quantum Experience!

Noi di Close-up Engineering ci siamo subito iscritti e IBM ci ha gentilmente accettati!
In questo articolo-tutorial composto da 6 parti, vedremo:

Parte 1: Come funziona un computer quantistico

Parte 2: L’algebra del qubit e le operazioni base

Parte 3: Proviamo il computer quantistico di IBM

Parte 4: Sistemi di qubit, gates ed entangled state

Parte 5: Potenziamo il computer quantistico di IBM! 

Parte 6: Algoritmi Quantistici 

Programmiamo il computer quantistico!

Ora che sappiamo come si elabora un qubit, proviamo il computer quantistico di IBM ed elaboriamo qualche qubit con i nostri gates.

IBM ha iniziato ad accettare sempre più velocemente le richieste di iscrizione! Ecco il form per provare ad iscriversi al programma Quantum Experience e provare finalmente il Computer Quantistico di IBM:
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI 

IBM offre un’interfaccia grafica per programmare l’elaborazione di un qubit (o più qubit, come vedremo nella Parte 4).

Quest’interfaccia è molto semplice ed efficace:
Abbiamo alcuni qubit \(|0\rangle\) al quale possiamo applicare nel tempo i vari gates che abbiamo visto nella Parte 2. Questo ci consente di elaborarli.
Inoltre, possiamo misurare in un determinato istante il valore del qubit.

La misurazione avviene nella base canonica, e come abbiamo visto sempre nella Parte 2, misurare un qubit in sovrapposizione ci darà uno stato indeterminato. La misurazione infatti i dirà la probabilità con cui il qubit è stato misurato in ogni stato ( \(|0\rangle\) o \(|1\rangle\) ).

Infine, possiamo rappresentare in un dato istante il qubit nella sfera di Bloch. 
Semplice no?

Misuriamo il qubit  \(|0\rangle\):

0

 

X, H, SH
Misuriamo le operazioni base!

Facciamo qualche prova con i gate che abbiamo conosciuto nella Parte 2.

Applichiamo il gate X al qubit  \(|0\rangle\) e vediamo cosa succede:

X0

I gate  Z e Y per ora non servono, in quanto Z non produce nessun cambiamento se misuriamo in base canonica, e Y produce lo stesso cambiamento di X.

Passiamo ad H ottenendo  \(|+\rangle\) :

H0

Possiamo notare che la percentuale è esattamente  \(1/2\) per  \(|0\rangle\) e \(1/2\) per  \(|1\rangle\). Questo indica uno stato di sovrapposizione.

Proviamo applicando prima H e poi S  ottenendo \(|\circlearrowright\rangle\):

SH0

 

Come possiamo notare, si ottiene lo stesso risultato che con solo H… Ma i due qubit sono diversi, come sappiamo! Eccoli rappresentati nella sfera di Bloch:

H0 e SH0 - Bloch

Porte logiche: CNot

Per rendere più interessante questa prima prova con il Computer Quantistico di IBM, introduciamo il Gate CNOT:
Prende un input di controllo in ingresso, e applica una NOT su un altro qubit SE l’input di controllo è un qubit \(|1\rangle\).

Programmiamo il computer quantistico e misuriamo.

In questo caso, il control è \(|0\rangle\) (qubit 1) e l’input rimane invariato a \(|0\rangle\) (qubit 2)

CNOT00

Proviamo invece con \(|0\rangle\) \(|1\rangle\)

CNOT01x

Proviamo con \(|1\rangle\) \(|0\rangle\):

CNOT10x

Proviamo con \(|1\rangle\) \(|1\rangle\):

CNOT11x

 

Se invece, proviamo dopo aver applicato il gate H? 

CNOTH0

Ecco che l’indeterminatezza del qubit \(|+\rangle\): viene trasferita al qubit \(|0\rangle\), ma ecco cosa succede se proviamo a disegnarlo nella sfera di Bloch: 

CNOTH0 - Bloch

Questo vuol dire che l’input non si è tramutato in un \(|+\rangle\), ma è rimasto nella base canonica, solo con indeterminazione a 50 e 50 tra  \(|0\rangle\) e  \(|1\rangle\).
Abbiamo creato un nuovo qubit?!

Nella prossima parte risponderemo a questa domanda e vedremo come elaborare SISTEMI DI QUBIT! 

Parte 4: Sistemi di qubit, gates ed entangled state

Un altro extra…

So benissimo di avervi lasciato con più dubbi che prima di leggere l’articolo.. Ma è normale. Erano i miei stessi dubbi prima di finire tutto il tutorial di IBM!

Vi lascio un video di IBM in cui si mostrano elaborazioni più complesse, in modo che possiate iniziare a sperimentare voi stessi e cercare di rispondere alla domanda di prima.


CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

4 COMMENTI

  1. Questo è l’articolo più bello e approfondito che abbia mai potuto leggere su questo argomento: vi ringrazio dal più profondo del cervello (potevo scrivere cuore e farla breve, ma ringraziare con un’utilissima pompa per il sangue non è come ringraziare mostrando giusto rispetto ai neuroni). ^_^

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here