Home » Il 2021 si apre a nuove frontiere per depositare il denaro: dalle criptovalute ai siti di scommesse online

Il 2021 si apre a nuove frontiere per depositare il denaro: dalle criptovalute ai siti di scommesse online

Nell’anno della pandemia anche i piccoli investitori si sono adeguati ai nuovi metodi di pagamento, sfruttando i sistemi online per depositare denaro. Anche i siti di scommesse si sono inseriti nel mercato del web come piattaforme in cui poter usare nuovi strumenti di pagamento.

Categorie I'm the creeper

Nell’ultimo anno il mondo del web ha visto nuovi modi per depositare il denaro attraverso metodi di pagamento anche nei siti di scommesse online. Un cambio di passo repentino che ha portato nuova luce negli strumenti finanziari online in aggiunta ai classici offerti dagli istituti di credito.

Infatti, sempre più piattaforme si offrono come intermediari per effettuare pagamenti online, offrendo immediatezza e sicurezza nelle transazioni. Uno dei più famosi e noti sistemi di pagamento è senza dubbio PayPal che ha fatto la sua comparsa nel 1999. Alla base l’idea di un portafoglio digitale in cui depositare denaro per poi trasferirlo verso altri account della piattaforma. Ma accanto a PayPal si è sviluppata una pletora di altri strumenti in parte con la stessa idea (come Skrill e Neteller) o con altri approcci.

I siti di scommesse online, in questo senso, sono sempre stati dei laboratori per l’utilizzo di nuove piattaforme di pagamento. Infatti, diversi siti di recensioni propongono agli utenti suggerimenti e veri e propri tutorial su come depositare denaro sugli account di scommesse online. I metodi di pagamento sono i più disparati a partire dalle carte di credito per arrivare agli e-wallet più diffusi. Anche gli strumenti più classici come i bonifici sia tradizionali che i più innovativi istantanei possono essere utilizzati. Un gran numero di metodi che consentono a tutti gli utilizzatori di trovare la soluzione più adatta a loro.

Originariamente usate solo nei negozi fisici, a partire dagli anni 90 hanno vissuto il boom degli acquisti online.

Dalle carte ai bitcoin

Erano gli anni 50 e iniziavano a diffondersi le carte di credito come innovativi strumenti di pagamento al posto della moneta. Con gli anni, di fatto, le carte si sono affermate come principale metodo nelle transazioni online, favorendo lo sviluppo del commercio digitale. Solo negli ultimi 20 anni in realtà c’è stata un’ampia diffusione di tecnologie alternative come i portafogli digitali e i bitcoin.

Mentre i primi hanno favorito lo scambio del denaro con tecnologie all’avanguardia e molto sicure, i secondi si stanno affermando come vera e propria alternativa per il deposito di denaro online. Le criptovalute sono la nuova frontiera del denaro anche se purtroppo ancora poco regolate. Alcuni ritengono che questo sia un pregio, come d’altronde la stessa libertà che è fondante nel World Wide Web. Per altri, invece, questo aspetto che le rende incontrollabili è negativo perché sfruttabile da malintenzionati per illeciti di vario tipo.

Non a caso anche i paesi del mondo hanno approcci del tutto opposti rispetto al tema della moneta digitale. Ad esempio, il governo turco si è opposto fermamente alla diffusione dei Bitcoin nel suo paese proprio a causa della mancata regolamentazione di enti di controllo come le Banche centrali. Al contrario, in Cina sono le stesse banche a favorirne la diffusione probabilmente in concomitanza con l’idea di poter controllare un’ampia fetta di mercato grazie ai Big Data. Infatti, tracciare ogni pagamento con la moneta digitale potrebbe aprire a nuovi mercati dei dati dal momento che si potrebbero recuperare molte informazioni personali solo dai pagamenti fatti.

Una nuova rivoluzione della moneta sarà quella dettata dai Bitcoin, inafferrabili e digitali.

Il mondo dei dispositivi mobile

Nonostante si siano fatti molti passi avanti con gli strumenti online, una nuova alternativa che sta prendendo piede è data dai dispostivi mobili. Telefoni, tablet, smartwatch sono ormai una continuazione del nostro corpo e incorporano tecnologie per scambiare denaro con altre persone o pagare istantaneamente. Ogni grande produttore di dispositivi mobili, come Apple o Samsung, ha provveduto in questi anni a creare un portafoglio virtuale con cui favorire i pagamenti digitali.

Meno di un anno fa WhatsApp, una delle più note piattaforme di messaggistica, introduceva la funzione di pagamento in app. In questo modo è possibile mandare denaro agli altri contatti direttamente dalle proprie chat oppure pagare sui siti di e-commerce che accettano questo metodo di pagamento.

Anche le banche si stanno aggiornando, per far fronte ai cambiamenti repentini nei modi di pagare e spostare denaro, ad esempio con BancomatPay. La nuova piattaforma permette di pagare e trasferire piccoli importi ad altre persone direttamente dalle app di molte banche italiane.

Il futuro ha probabilmente molti cambiamenti ancora in vista e sarà interessante capire come questi verranno accolti dalle persone e dalle istituzioni. Ogni trasformazione porta con sé lati positivi e negativi che devono necessariamente essere conciliati: solo con il tempo scopriremo cosa ci saprà offrire il mondo dei pagamenti digitali. Certamente l’ampia diffusione di e-commerce e siti di qualunque genere favoriranno l’innovazione e la creazione di nuovi strumenti di pagamento con peculiarità sempre più interessanti.