fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Il datacenter subacqueo di Microsoft supera tutti i test

Il progetto promosso da Microsoft, Natick, valuta la possibilità di utilizzare il fondo marino come posizione strategica per ottimizzare la vita dei datacenter.

Da alcuni anni la fauna ittica delle Isole Orcadi scozzesi ha un nuovo inquilino di 17 tonnellate. Non è un cetaceo ma un datacenter subacqueo denominato Nothern Isles con su il logo Microsoft. Il mastodontico tubo d’acciaio è stato posizionato a 35 metri al di sotto del mare per il progetto Natick. La soluzione individuata astuta quanto innovativa ha l’obiettivo di risolvere l’oneroso problema dello spazio in cui posizionare un datacenter nonché tutte le problematiche relative al raffreddamento dello stesso.

Nel 2018 il datacenter subacqueo è stato inabissato sul fondo marino delle Isole Orcadi.
Credit: miscrosoft.com. Nel 2018 Nothern Isles è stato posizionato sul fondale marino delle isole Orcadi scozzesi.

Un progetto nato nel 2014

Il Natick è un progetto che ha visto la luce già cinque anni fa. All’epoca si trattava di certo di un progetto ambizioso considerando le difficoltà che si sarebbero incontrate sul cammino. L’obiettivo prefissato è quello di migliorare la durata dei datacenter che sulla terraferma sono sottoposti a numerose intemperie. Corrosione da ossigeno e umidità, sbalzi di temperatura e urti provocati dagli utenti sono solo alcune delle variabili che possono contribuire al guasto delle apparecchiature. Inoltre questa soluzione garantirebbe una maggiore velocità di collegamento a tutte le popolazioni costiere che potrebbero a volte risentire della distanza dalle grandi server farm tradizionali.

Le due fasi della sperimentazione

Nella prima fase l’obiettivo era quello di verificare la fattibilità di gestire un intero datacenter subacqueo. Operare in remoto per lunghi periodi di tempo, con un livello elevato di efficienza energetica e di salvaguardare l’ambiente circostante erano i principali obiettivi della fase preliminare.

Con la fase numero due si vuole invece sviluppare un prototipo che possa essere replicato su vasta scala. Un modello che possa essere utilizzato come elemento modulare per aggregare tra loro datacenter sottomarini di dimensioni arbitrarie.

Risultati ottenuti

Il datacenter è stato inabissato nel 2018 e per due anni è stato monitorato da esperti per verificarne l’affidabilità. Il 9 luglio 2020, il Natick ha concluso la sua prima “missione” sottomarina. Una volta riportato in superficie, il datacenter è stato pulito, portato in laboratorio e smembrato dei suoi componenti per ulteriori analisi.

Credits: microsoft.com. Nel mese di luglio il datacenter è stato fatto riemergere per poter essere analizzato con maggiore dettaglio.

Tra i componenti rinvenuti, alcuni presentavano guasti al server ed ai relativi cavi. Il team di ricercatori pensano che controllare l’hardware malfunzionante li aiuterà a capire perché i server nel datacenter subacqueo sono otto volte più affidabili di quelli poiszionati sulla terraferma. Tra le ipotesi più gettonate vi è l’atmosfera carica di azoto, che è meno corrosiva dell’ossigeno, e l’assenza di persone che urtano e spingono i componenti. Se tali affermazioni trovassero un riscontro effettivo, si potrebbero tradurre i risultati ottenuti per migliorare i datacenter terrestri.

Datacenter dalla location “curiosa”

Il progetto Natick non è però il solo ad aver proposto una soluzione tanto originale.

  • Il Pionen White Mountains, il data center svedese posizionato a circa 30 metri sottoterra e a pochi chilometri da Stoccolma. Un ex bunker atomico riconvertito che aveva attratto anche l’attenzione di Wikileaks, il quale l’aveva reso come sua centrale operativa.
  • Nel deserto del Nevada risiede SuperNap, il più potente e strategico datacenter degli USA. Tra i motivi della collocazione vi è la presenza di migliaia di cavi di interconnessione delle Telco statunitensi. La zona risulta così una delle più interconnesse della nazione e forse del mondo. Inoltre, l’area di Las Vegas poco soggetta a particolari catastrofi naturali come terremoti, uragani e tifoni, sembra essere particolarmente adatta ad ospitare strutture di questo genere.
  • Kolos è il datacenter del circolo polare artico. La scelta di questa location è legata sicuramente alla possibilità di raffreddare naturalmente i server senza alcun intervento, ma anche la possibilità di usufruire facilmente di energia idroelettrica.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Antonia Sacchitellahttps://systemscue.it
Sono laureata in Ingegneria Informatica e Tecnologie dell'Informazione. Amo leggere e divulgare sapere.