Home » ChatGPT in Italia: come superare il blocco con una VPN

ChatGPT in Italia: come superare il blocco con una VPN

ChatGPT è attualmente bloccato in Italia. Con l'utilizzo di una VPN è possibile continuare a utilizzare il servizio, anche gratuitamente

Categorie Inside IT

ChatGPT è stato bloccato in Italia. A deciderlo è stato il Garante della privacy italiano. Per questo nel nostro paese il chatbot di OpenAI sarà inutilizzabile fino a quando il servizio non rispetterà la disciplina sulla privacy. Tuttavia, utilizzando una VPN è possibile superare il blocco e accedere a ChatGPT anche gratuitamente. Ecco in che modo.

Il blocco di ChatGPT in Italia

Domanda a ChatGPT: tu come tuteli la privacy dei tuoi utenti?

ChatGPT: “Come assistente virtuale, io sono progettato per rispettare la privacy dei miei utenti. Alcune delle misure di sicurezza e privacy che implemento sono:

  1. Crittografia: Tutto il traffico tra il mio server e l’utente è crittografato, in modo da garantire la sicurezza delle informazioni.
  2. Anonimato: Non tengo traccia delle informazioni personali degli utenti, come i loro nomi, gli indirizzi email o le posizioni geografiche.
  3. Limitazione di accesso: Solo gli utenti autorizzati possono accedere ai dati degli utenti e alle informazioni.
  4. Controllo dell’accesso: Accedo solo alle informazioni degli utenti quando richiesto dallo stesso utente per fornire assistenza.
  5. Monitoraggio: Monitoro costantemente il mio sistema per individuare eventuali tentativi di accesso non autorizzati o attività sospette.
  6. Aggiornamenti: Aggiorno costantemente il mio sistema per proteggere gli utenti dalle nuove minacce alla sicurezza.

Spero che queste misure ti diano un’idea di come proteggo la privacy dei miei utenti. Se hai altre domande o dubbi, non esitare a chiedere.”

Nonostante questo, in poche ore è stato disposto e applicato il blocco di ChatGPT in Italia. La motivazione di questa scelta è un bug rilevato in una libreria open source in seguito al quale è avvenuta la pubblicazione dei dati sensibili degli utenti. Il Garante della privacy italiano ha disposto il blocco del servizio, contestando anche il fatto che le risposte di ChatGPT non sempre corrispondono ai dati reali. Questo comporta in alcuni casi un trattamento non corretto dei dati personali. Ora, OpenAI ha 20 giorni di tempo per indicare le misure disposte per la risoluzione dei problemi sulla privacy.

Come superare il blocco di ChatGPT in Italia

Esiste una possibilità di superare il blocco e utilizzare ugualmente l’intelligenza artificiale ChatGPT. Per farlo si può ricorrere a una VPN (Virtual Private Network), un servizio sicuro e affidabile. Una volta connessi a un server VPN si può accedere a ChatGPT senza problemi, da sito o da app. Infatti, il server VPN veicola il traffico Internet, eludendo il blocco geografico imposto. Attraverso l’utilizzo di un server VPN quindi sarà possibile continuare a usufruire del servizio di intelligenza artificiale.

chatGPT in Italia

Come accedere a ChatGPT gratuitamente

È possibile installare una VPN gratuita a questo link, dove sono disponibili due versioni desktop per Chrome o Firefox e una mobile per iOS. Una volta installata la VPN, bisognerà attivarla seguendo le istruzioni e accedere al sito di ChatGPT, che sarà utilizzabile normalmente senza alcun blocco. Rimane quindi possibile per gli utenti accedere al chatbot dall’Italia, con un’alternativa completamente gratis. Una seconda possibilità è l’utilizzo di Bing Chat, un servizio di intelligenza artificiale simile a ChatGPT.

Altre VPN disponibili

Una delle VPN più popolari e affidabili è senza dubbi NordVPN. Collegandosi al sito ufficiale è possibile scegliere uno dei piani di abbonamento disponibili dove trovate un’offerta riservata ai nostri lettori. Ci sono anche abbonamenti a lungo termine con sconti. Dopo aver compilato il modulo con i propri dati personali, è necessario scegliere il metodo di pagamento. Una volta effettuato il pagamento, verrà inviata un’email di benvenuto da NordVPN con un link per scaricare il software in modo semplice e immediato.

Ma ci sono molte altre alternative possibili, per esempio ExpressVPN, che consente di connettersi in modo affidabile a qualsiasi posizione da qualsiasi luogo. La loro rete di server ad alta velocità in 94 paesi, come Regno Unito, USA, Australia, Canada e Italia, ti dà pieno controllo. Surfshark che secondo gli esperti: “dimostra il suo valore con un’ampia gamma di strumenti per la privacy, un’app eccellente e connessioni di dispositivi senza limiti.” Ci sono diverse opzioni di VPN disponibili sia gratuitamente che a prezzi molto convenienti. Un altro esempio di VPN gratuita è ThunderVPN che funziona da browser come estensione oppure è scaricabile da PlayStore per dispositivi mobili.

chatGPT in Italia

O CyberGhost, che permette di nascondere la tua attività su Internet a chiunque tenti di scrutarla, tra cui il tuo ISP, gli hacker, gli inserzionisti e il governo. CyberGhost VPN cripta il tuo traffico online e nasconde il tuo vero indirizzo IP, a prescindere dalla tua attività: streaming, scambio di torrent, gaming, acquisti, operazioni bancarie o semplice navigazione. In tutti questi servizi si può valutare il piano di abbonamento più adatto alle proprie esigenze.

Altre opzioni degne di nota

Anche alcuni browser, tra cui Opera, hanno una VPN integrata e gratuita. Come specificato sul sito del browser, è possibile navigate con un indirizzo IP virtuale che vi aiuta a nascondere la vostra posizione e vi permette di visualizzare il web con una maggiore privacy online all’interno del browser Opera per Android e desktop.

Se hai bisogno di una VPN gratuita, ti consigliamo di fare attenzione a queste opzioni. ProtonVPN: offre un piano gratuito con accesso a server in tre paesi e senza limiti di larghezza di banda. Windscribe: fornisce 10 GB di dati gratuiti al mese, con accesso a server in 10 paesi. Hotspot Shield: offre un piano gratuito con accesso a server in un solo paese e una limitazione della velocità.

Perché una VPN garantisce l’accesso a ChatGPT

La sigla VPN sta per “Virtual Private Network”, ovvero una rete virtuale privata che consente di stabilire una connessione privata anche quando si utilizzano reti pubbliche. Grazie alla cifratura del traffico Internet e alla mascheratura dell’identità online, le VPN rendono più arduo per terze parti tracciare le attività online e i dati degli utenti. Questo processo di crittografia avviene in tempo reale.

Una VPN consente di mascherare il proprio indirizzo IP attraverso l’instradamento dei dati attraverso un server remoto, gestito da un host VPN appositamente configurato. In questo modo, il server VPN diventa la fonte dei dati di navigazione online, rendendo impossibile a fornitori di servizi Internet e terze parti vedere quali siti web si stanno visitando o quali dati si stanno trasferendo. La VPN agisce come un filtro che crittografa tutti i dati, rendendoli incomprensibili a chiunque possa accedervi. Anche se qualcuno dovesse riuscire ad intercettare questi dati, non sarebbero in grado di decifrarli. Utilizzando una VPN, non solo è possibile accedere nuovamente a ChatGPT, ma anche navigare in modo sicuro su molti altri siti.